English Version

 
 
Preiscrizioni Iscrizioni Prenotazione hotel

NEWS

La gara Individuale Maschile degli Italiani
TRE TORRI 2004

TRE TORRI 2004

La gara Individuale Maschile degli Italiani

 

Nella categoria -81 Kg.- Argento di Antonio Ciano -  Tra gli Italiani si è distinto Antonio Ciano dello Star Judo Club di Napoli di Gianni Maddaloni. Il beniamino napoletano è ancora sul podio in questa edizione molto speciale.

Nella sua gara Ciano si è imposto a sorpresa sul fortissimo Georgiano Grigol Shinjikasvhili, ha dovuto poi cedere in finale con un Ippon di Seoi Nage di fronte al polacco Robert Krawczyk , un avversario troppo forte per il campione di casa .

Nella stessa categoria -81 Kg. si è distinto anche Emidio Centracchio, figlio d’arte, il quale ha disputato una buona gara arrivando in semifinale, cedendo di fronte al Polacco Robert Krawczyk  e di fronte al Russo Salamu Mezhidov per il terzo e quinto posto. Un peccato, per poco, avremmo potuto giocare una finale tutta italiana.

Nella categoria -90 Kg.- Bronzo di Stefano Sorelli-  L’atleta, napoletano di origine, è stato battuto in semifinale dal Campione d’Europa Bucarest ’04 Ilias Iliadis.

Anche questa categoria piena di nomi illustri, è stata particolarmente difficile, ciò nonostante il nostro ragazzo in forza alle F.F.O.O. Polizia di Stato – Roma, atleta della Nazionale Italiana, non si è lasciato intimorire. Stefano Sorelli, Argento nell’ultima edizione del TRE TORRI dietro al Giapponese Yuta Yazaki, riconferma il suo talento e conquista il suo terzo posto di fronte al tedesco Marcel Jamet.

Sorelli supererà nelle eliminatorie atleti come l’algerino Khaled Meddah Medaglia d’argento ai Campionati Africani, ’04, riuscirà ad imporsi negli ottavi di finale compiendo una bella impresa con lo Svizzero Campione d’Europa ’03 e Vice-Campione del Mondo Osaka ’03 Sergei Aschwanden.

Nella Categoria –73 Kg. - Quinto posto di Marco Maddaloni, autore di una buona prova nella categoria più numerosa del Torneo, 46 atleti, con un livello tecnico molto alto.

Al primo turno, ironia della sorte, Marco s’incontra con il giapponese vincitore della categoria Yugi Sonoda. Il nostro ragazzo mette tutta la sua volontà, tutta la preparazione tecnico-tattica, ma non sriuscirà a superare il figlio del Sol Levante, che  nel prosieguo della gara dimostrerà tutto il suo valore.

Se da un lato Marco Maddaloni inizia il suo percorso in salita, dall’altro il nostro pupillo napoletano avrà la possibilità di riscattarsi nel ripescaggio.

Sotto la guida attenta del fratello Pino Maddaloni (Campione Olimpico Sidney ’00) e l’osservazione di Masami Matsushita inizia la sua rincorsa alla medaglia tanto agognata.

Il Ripescaggio di Marco Maddaloni

Nel ripescaggio Marco Maddaloni  supererà nell’ordine: lo Sloveno Marko Petric (Judo Klub Olimpija), il Russo Kostantin Zaretskiy, l’algerino Omar Meridja, Orazio D’Allura, del G.S. Fiamme Gialle – Roma. Finale per il bronzo di fronte al Belga Dirk Van Tichelt rivelatosi a sorpresa un valente Judoka.

Una grande e lunga giornata per il figlio e fratello d’arte, che dovrà accontentarsi del quinto posto. Vogliamo far sapere al nostro ragazzo che la sua è stata una buona gara, presto i suoi sforzi verranno premiati.

Altro Italiano di spicco in questa categoria Francesco Bruyere. L’atleta piemontese dell’Akiyama Settimo, dopo aver superato due turni, il primo con il tedesco Norbert Wessinger, il secondo con il Carabiniere Antonio Vastarella, deve inchinarsi di fronte all’Uzbeko Egamnazar Akbarov.

Akbarov calca i Tatami Internazionali da qualche tempo, lo abbiamo già visto al Torneo di Parigi. L’Uzbeko risulta essere judoka di buona statura tecnico-tattica, oltre che di buona struttura fisica; vogliamo rimarcare che Akbarov prenderà parte ai Giochi Olimpici di Atene ’04.

Giornata no! per Francesco Bruyere che nella scorsa edizione del TRE TORRI disputava la finale con Jimmy Pedro (USA); tutta un'altra musica quella del torneo di quest’anno per l’atleta di Pierangelo Toniolo e della Nazionale Italiana. Auguriamo a Francesco tanti successi ai prossimi tornei TRE TORRI.

Nella Categoria –66 Kg. - Quinto posto di Donato Erra CS. Carabinieri & Alessandro Bruyere, dell’Akiyama Settimo.  A causa di una strana combinazione finiti per sorteggio in due poule diverse, entrambi i nostri beniamini si sono fatti sbarrare la strada dall’Uzbeko Murat Kalikulov : Alessandro Bruyere, tra l’altro vincitore della scorsa edizione, negli ottavi di finale, mentre  Il Carabiniere nella finale per il terzo posto.

Nella Categoria –100 Kg. - Quinto posto di Mauro Pasta Campione d’Italia Ass.to ‘04, Il bergamasco del Club “Isao Okano” Cinisello Balsamo (MI) di Diego Brambilla  disputerà un’ottima gara confrontandosi e cedendo solo con atleti di indubbio valore Olimpico, come il Cubano Oreidis Despaygne vincitore della categoria e il Vice-Campione Olimpico Sidney ‘00 Nicolas Gill ,il quale ha rimarcato il valore di Mauro Pasta, rimanendo particolarmente colpito dalla sua abilità difensiva. 

Complimenti a Mauro Pasta e al suo attuale allenatore Diego Brambilla.

Nella Categoria +100 Kg. - Quinto posto del Carabiniere Paolo Isabella e Nicola Brandolini . Categoria con 15 atleti. Come da pronostico il favorito, Abdullo Tangriev medaglia di Bronzo ad Osaka ’03, si è aggiudicato la gara sul Giapponese Yohei Takai.

Anche in questo caso i nostri ragazzi Italiani hanno avuto la strada sbarrata dal’Uzbeko Abdullo Tangriev, che elimina il Carabiniere negli ottavi e Brandolini Nicola del Dojo Equipe Bologna nei quarti.

Nel ripescaggio Il Carabiniere Paolo Isabella riuscirà a battere Fausto Gobbi, il Greco Vasilis Iliadis, dovrà cedere al fortissimo Georgiano Lasha Guejejiani, mentre il Bolognese Nicola Brandolini cederà al tedesco Nils Kopke.

BACK

 


best view @ 800*600 / [built for Internet Explorer 5.0+ & Netscape 6.0+]
Webmaster Andrea Guardati - Copyright © 1999-2004 Judotretorri.com. Tutti i diritti riservati.